Il Piccolo Flauto della Fontana di Ghiaccio

“Il piccolo flauto della fontana di ghiaccio” è la storia di un piccolo mendicante che suona il suo flauto stonato da quattro soldi vicino a una fontana, ghiacciata nel gelo dell’inverno. Nell’indifferenza dei passanti la realtà si confonde con il sogno. Nell’indifferenza dei passanti. E questo è tutto.

Annunci

Ho visto le foglie cadere

Questo è un brano al quale sono particolarmente legato. Di solito quando lavoro ad un album cerco di fare in modo che si “faccia da sé”, lasciando che le idee fluiscano in modo autonomo, prendendo quello che c’è intorno a me in quel preciso momento. Quando ho iniziato a lavorare all'”album autunnale” (non avevo ancora in mente un titolo) è successo che un giorno stessi parlando in chat con Marilù. Avevo già una bozza con la musica e le parti della chitarra elettrica; poi lei ha detto: “Io ho visto le foglie cadere ieri. Ero sù, davanti alla porta della terrazza aperta e ho guardato fuori e ho visto le foglie staccarsi e cadere. Erano gialle gialle…”, e a seguire il resto. Mi sono subito reso conto che quelle parole dovevano fare parte dell’album; sono “successe” in quel momento, in quel clima, in concomitanza con le suggestioni legate a quegli attimi, a quelle note. E il brano ha trovato la sua identità definitiva che ancora non aveva.

Le ho chiesto di registrare la sua voce mentre leggeva il testo. E così è nata anche l’idea di legare tutti i brani dell’album insieme, come un’insieme di scene che fanno parte dello stesso racconto.

In genere non mi piace tediare (l’inesistente) ascoltatore dando spiegazioni, ma in questo caso era doveroso. E’ stata una collaborazione spontanea, qualcosa nata in modo “casuale”, una di quelle coincidenze significative che a volte solleticano la nostra mente come un folletto dispettoso che, nonostante la ragione, fa capolino per rivendicare la propria esistenza.