Oltrepò Pavese

“Bottles” by Arline Wagner

 

Devi vedere le cose un passo di lato dalla camera. La camera che riprende. Quello è quello che vede lo spettatore, ma non è quello che vede Kubrik. Lui manco ci sta dietro la camera… Pensaci.

Non è un fatto estetico, è una questione legata all’amplificazione. Poi qualsiasi tentativo di rappresentazione è sempre mediato, quindi diffetato. Si fa quello che si può. Ma sicuramente non è una cosa che riguarda l’estetica, la piacevolezza. Tu pensa se fosse così, pensi che esisterebbe la cappella sistina?

Chi fa da tramite, il pittore o quello che è, non può mica ragionare in termini di “piacere” o avere preferenze. Quello lo fanno gli altri.

La vita si fa da sè. E’ come l’amore, no?
Mica lo scegli, mica ti piace. A chi piace?

[Guarda che… c’è il fiume. Alcuni lo chiamano Po. Oltre il fiume (ahah), non si sa che cosa facciano ma… lo fanno bene!]

 

Annunci

33 pensieri riguardo “Oltrepò Pavese

  1. Grazie del follow! ^_^
    Vero, l’arte non può che “farsi da sé”, e solo con questo presupposto si può creare serenamente (seppur con eventuale tormento). E come dici anche tu, vale per tutto. L’io dell’autore è solo un traduttore appunto, con il suo vissuto, che permette il punto di vista, ma ciò che fa non è mai “suo”.

    Piace a 1 persona

    1. Brava Sara. A volte nemmeno quello; tanto che alcuni hanno avuto l’impressione di essere “visitati”.

      Grazie anche a te del follow, mi piacciono molto i “contenitori” delle tue foto; trovo che hai molte idee originali e interessanti 😉

      Piace a 1 persona

      1. Vero! Tanto che a tratti mi inquieta come cosa… quando rivedo cose che ho fatto o anche di altri, a volte mi dico “ma come sono saltate fuori?” al di là del parere di gusto proprio…
        Ieri o l’altro ieri ho ritrovato un aforisma di Brancusi che dice proprio quello, e sto leggendo “Il codice dell’anima” che dice la stessa cosa, parla di un Daimon che ci guiderebbe nei nostri atti creativi e caratteriali… O_O Cerco di prendere la cosa con le pinze al di fuori dell’arte, perché se no è troppo facile dare la colpa al Daimon xD Però è una filosofia interessante!
        Grazie mille, anche a me piace il tuo blog ^_^

        Piace a 1 persona

  2. Spostarsi di lato, fare un passo avanti o indietro, guardare il tutto da una prospettiva differente. Eppure è sempre lo stesso soggetto. Ma cambia, ad ogni movimento di chi guarda, ad ogni cambio di occhi e pensieri si trasforma e muta di intenti e significato. Inutile, a tratti arrogante, darne una sola ed unica visione…

    Piace a 1 persona

      1. Però anche “lì” o “là” è un concetto variabile. Insomma il mio “qua” non ha nulla a che fare con il tuo “lì”… Sta sera hai per caso deciso di farmi impazzire???

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.