Daydream

All’improvviso una goccia, sulla guancia, mi svegliò. Calda lacrima, rimase ferma per un attimo e poi via: cominciò a correre veloce per andare a baciare le mie labbra innamorate da dove la mia lingua, assetata d’amore, assorbiva quella rugiada mattutina. Con la vista annebbiata e ancora carica di sogni e fantasie notturne strizzai gli occhi e lo vidi davanti a me. Mi apparve come una visione nel deserto, prima confusa e poi via via sempre più chiara e distinta.

E come una tanto desiderata oasi nel deserto sembrava essere lí per invitarmi a bere, a placare la mia sete, sempre di più. In preda allo stordimento onirico allungai una mano verso di lui mentre l’altra scivolava giù verso il mio ventre, e poi ancora oltre… In un attimo fui trascinata nell’abisso mentre con le labbra umide di passione mi nutrivo di lui. Lui che intanto accarezzava la mia testa, accompagnandomi delicatamente verso il mio nutrimento che io, ormai persa in quel vortice di sensualità, sorbivo voracemente lasciandolo fluire dentro il mio corpo.

Era da un pezzo che frugavo senza successo nella tasca dei jeans quando la sua voce mi richiamò alla realtà:

“Hey, basta sognare a occhi aperti”, disse il pizza boy. “Ti vuoi svegliare? Me lo vuoi pagare il calzone e il calippo?”

“Ah, si!”, risposi io ancora in preda allo stordimento. Con un impetuoso sforzo di volontà dribblai le chiavi e i vari scontrini appallottolati e, finalmente, tirai fuori dalla tasca una manciata di monete da due e da uno.

Lui guardò le monete e poi guardò me in modo strano.

Credo di essere arrossita.
Leggermente.

Annunci

6 pensieri riguardo “Daydream

    1. No non l’avevo notato, se capita ne parlerò con la mia equipe di psicologi! Ahah XD Non so ma in certi momenti mi pare che la goccia descriva bene la delicatezza e l’effimerità di certi stati d’animo… sai, quel sentire sottile e leggero che nella gioia e nella tristezza non trova uno sfogo a livello intellettuale eppure c’è e e taglia e pizzica come una lama affilatissima. Ammazzo quanto parlo, ammazza quanto scrivo!

      Mi piace

      1. Ogni dettaglio può essere rilevante e rivelatorio. Forse potrebbe essere interessante analizzare con un contatore di parole quella che più si utilizza. Oh quanto siamo comunicativi stamattina ^^

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...